Cultura

2020 senza ChiassoLetteraria ma una luce tra le crepe c’è

Il programma praticamente ultimato, poi la pandemia, le restrizioni e il presente del Festival da riscrivere. Per ChiassoLetteraria è l’anno di una riflessione, diciamolo, anche un po’ forzata ma anche di una serie di consapevolezze che aiutano a ridefinire l’identità dell’evento, in primis quella di sapersi, come Festival, spazio privilegiato di discussione e di scambio, cosa che invece la pandemia non può proprio permettere più. Da qui, come ha spiegato durante l’Assemblea annuale tenutasi sabato 14 novembre, Sebastiano Marvin, l’idea iniziale di spostare tutto a settembre 2020, per poi realizzare, a malincuore, che anche così ChiassoLetteraria non sarebbe stata più la stessa. 

Il testo integrale dell'articolo è accessibile ai soli abbonati.
Effettui per cortesia l'accesso con i Suoi dati:

Non dispone ancora dei dati d'accesso? Sottoscriva un abbonamento di prova per 4 settimane!.
L'abbonamento normale all'Osservatore costa CHF 35.--/anno e può essere sottoscritto tramite l'apposito formulario
oppure segua le istruzioni per poter effettuare il pagamento direttamente tramite PayPal.

In cima