InCanti

“Al di là dei sogni”: una “Commedia” in miniatura

Chris, novello Orfeo alla ricerca della sua Euridice, rinuncia al paradiso per raggiungere Annie, morta suicida e per questo condannata alle pene dell’inferno. Un viaggio a ritroso, rispetto a quello dantesco, modello letterario e poetico cui Vincent Ward, regista di Al di là dei sogni (1998), si ispira. Non sempre raggiungendo la potenza immaginifica del Sommo, seppur con gli effetti speciali cinematografici, che pur gli valsero il Premio Oscar. Il film, ispirato al romanzo omonimo di Richard Matheson, potrebbe essere definitivo una Commedia in miniatura: la solida struttura cosmologica ideata da Dante nel suo poema si perde, pezzo dopo pezzo; ossia la millimetrica divisione in gironi infernali, cornici purgatoriali e cieli paradisiaci.

Il testo integrale dell'articolo è accessibile ai soli abbonati.
Effettui per cortesia l'accesso con i Suoi dati:

Non dispone ancora dei dati d'accesso? Sottoscriva un abbonamento di prova per 2 settimane!
L'abbonamento normale all'Osservatore costa CHF 35.--/anno e può essere sottoscritto tramite l'apposito formulario
oppure segua le istruzioni per poter effettuare il pagamento direttamente tramite PayPal.

In cima