Intervista

Al via la 24a edizione del “Castello incantato”

Un’operazione di “mediazione culturale”, facendo interessare al teatro persone che magari non si sarebbero mai immaginate di accostarlo; un modo di ridare vita agli scorci nascosti di paesi e nuclei storici del Locarnese; infine, l’opportunità di godere un momento in famiglia, lasciandosi trasportare da fiabe e racconti senza tempo. Sono questi alcuni dei tratti più caratteristici del Festival internazionale di teatro con figure “Il castello incantato”, organizzato da 24 anni a questa parte in agosto da Santuzza Oberholzer (Teatro dei Fauni) e dal suo team.

Il testo integrale dell'articolo è accessibile ai soli abbonati.
Effettui per cortesia l'accesso con i Suoi dati:

L'abbonamento normale all'Osservatore costa CHF 35.--/anno e può essere sottoscritto tramite l'apposito formulario
oppure segua le istruzioni per poter effettuare il pagamento direttamente tramite PayPal.

In cima