Letteratura

All’USI rivive il “Pinocchio” di Carmelo Bene

«La fortuna di Pinocchio sulle scene teatrali è qualitativamente significativa. Le personalità artistiche che se ne sono occupate, nel Novecento, sono sempre eccelse. Ma cosa spinge a occuparsi del famoso burattino? L’idea di ribaltare e di guardare al contrario l’asse di valori del Collodi e di fare di Pinocchio un modo per parlare del teatro stesso». Si preannuncia da subito molto interessante, l’appuntamento con il ciclo di letture collodiane organizzato dall’Istituto di Studi italiani dell’USI, ieri sera tenuto dalla prof.ssa Maddalena Giovannelli.

Il testo integrale dell'articolo è accessibile ai soli abbonati.
Effettui per cortesia l'accesso con i Suoi dati:

Non dispone ancora dei dati d'accesso? Sottoscriva un abbonamento di prova per 2 settimane!
L'abbonamento normale all'Osservatore costa CHF 35.--/anno e può essere sottoscritto tramite l'apposito formulario
oppure segua le istruzioni per poter effettuare il pagamento direttamente tramite PayPal.

In cima