Cinema

Cannes 2022: il mondo che non impara dai propri errori al centro del Concorso

Non è stato semplice arrivare in sala, ma ce l’abbiamo fatta. Dopo molte liti con il sistema di prenotazione dei posti, “collaudato” nell’edizione pandemica dello scorso anno (ma evidentemente non abbastanza, visti i numerosi crash verificatisi in questi giorni), Cannes ci ha finalmente aperto le porte, e con lei anche il cinema che vedremo – in molti casi – nelle nostre sale lungo il corso dei prossimi mesi.

Il Concorso ha preso avvio all’insegna dell’autobiografia, con Armageddon Time di James Gray, amato autore indipendente americano ridisceso sulla terra e nella concretezza storica degli anni Ottanta (c’è persino Fred Trump, promotore immobiliare padre di Donald), dopo il viaggio spaziale di Ad Astra.

Il testo integrale dell'articolo è accessibile ai soli abbonati.
Effettui per cortesia l'accesso con i Suoi dati:

L'abbonamento normale all'Osservatore costa CHF 35.--/anno e può essere sottoscritto tramite l'apposito formulario
oppure segua le istruzioni per poter effettuare il pagamento direttamente tramite PayPal.

In cima