Teatro

C’era una volta un bel sogno di libertà

C'era una volta la tempesta - Teatro Sociale Bellinzona

Shakespeare o no, C’era una volta la tempesta, il nuovo spettacolo di Flavio Stroppini, interpretato magistralmente da Matteo Carassini, ci concerne da vicino, soprattutto in questi giorni convulsi, tra schieramenti a supporto dei molinari e, invece, voci che appoggiano la scelta del Municipio luganese di distruggere un luogo simbolo, per alcuni, di una trasognata libertà. Proprio nel cuore e al senso più utopico di questa libertà ci rimanda la storia dei “pirati” Mazzarditi (Giovanolo, Beltramino, Simonello, Petrolo detto Sinasso e Antonio detto Carmagnola), raccontata da Carassini nei panni di un cantastorie, per quasi un’ora e mezza, ieri sera, al Teatro Sociale di Bellinzona.

Il testo integrale dell'articolo è accessibile ai soli abbonati.
Effettui per cortesia l'accesso con i Suoi dati:

Non dispone ancora dei dati d'accesso? Sottoscriva un abbonamento di prova per 2 settimane!
L'abbonamento normale all'Osservatore costa CHF 35.--/anno e può essere sottoscritto tramite l'apposito formulario
oppure segua le istruzioni per poter effettuare il pagamento direttamente tramite PayPal.

In cima