I viaggi di Manuela

Comano, il Colle di San Bernardo

Si sta preparando il carnevale, 19 febbraio

Penso sempre che siamo fortunati, dal punto di vista almeno naturalistico, a vivere in un posto dove pur vivendo in città assediate dal traffico, in pochi minuti, anche utilizzando i mezzi pubblici, ci si può trovare in un bosco tra gli odori e i suoni di un mondo ancora a misura di uomo e del suo passo. Questa volta cerco di portarvi a Comano. E Comano oggi vuol dire soprattutto televisione. Fino agli anni ’70 del secolo scorso la popolazione non superava i 600 abitanti, un villaggio con la campagna circostante e i lavori agricoli. Poi tutto è cambiato, con la realizzazione del centro di produzione della RSI, funzionante dal 1976, la demografia è esplosa (ora più di 2000). Ma ancora il nucleo è diviso tra Tèra d’sura e Tèra d’sott, la parte che ci viene incontro una volta scesi dall’autobus oppure dalla “Posta”.

Il testo integrale dell'articolo è accessibile ai soli abbonati.
Effettui per cortesia l'accesso con i Suoi dati:

L'abbonamento normale all'Osservatore costa CHF 35.--/anno e può essere sottoscritto tramite l'apposito formulario
oppure segua le istruzioni per poter effettuare il pagamento direttamente tramite PayPal.

In cima