InCanti

Echi danteschi sulle rive del Mar Nero

Il lettore è uno che si è volontariamente esiliato per concentrare tutta la propria attenzione e il proprio desiderio sulla sapienza, che diventa così la casa sospirata. (Ivan Illich)

Dante incontra i grandi poeti antichi: Omero, Orazio, Ovidio e Lucano. (Inferno IV)

 

Voci dall’esilio

Sulle rive del Mar Nero si incrociano i destini di due figure emblematiche per comprendere la Commedia dantesca. Osip Mandel’štam, ebreo nativo di Varsavia e ramingo per le terre sovietiche, scrive la sua Conversazione su Dante (1933) in Crimea. Un saggio esile nella sua forma, ma denso di contenuti, che rivitalizza il divino poema, presentandosi come un genuino anticommento al lavorio di generazioni di scolastici, filologi e pseudobiografi. Ovidio, poeta romano esiliato a Tomi (oggi Costanza) da Augusto, autore caro sia a Dante, che incontrerà idealmente nel Limbo, sia a Mandel’štam, che come già il Sommo poeta vedrà in lui il modello letterario ed esistenziale dell’esule.

Il testo integrale dell'articolo è accessibile ai soli abbonati.
Effettui per cortesia l'accesso con i Suoi dati:

Non dispone ancora dei dati d'accesso? Sottoscriva un abbonamento di prova per 4 settimane!.
L'abbonamento normale all'Osservatore costa CHF 35.--/anno e può essere sottoscritto tramite l'apposito formulario
oppure segua le istruzioni per poter effettuare il pagamento direttamente tramite PayPal.

In cima