Danza

Forme nello spazio: dialogo fra danza e architettura

Accostare la danza all’architettura può essere una trappola. Le due discipline non sono infatti sempre collegabili ma certamente possono trovare un terreno di dialogo.

È quanto si è cercato di affrontare al Teatro San Materno di Ascona con una serata che ha proposto due momenti: un preambolo coreografico per quattro giovani danzatori curato da Tiziana Arnaboldi e Maxime Freixas e, successivamente, uno scambio di opinioni alla presenza dell’architetto e designer Riccardo Blumer, direttore dell’Accademia di Architettura di Mendrisio.

Seguito da un pubblico ridotto per motivi di sicurezza, l’appuntamento è il risultato di una ricerca condotta attorno al tema del gesto nell’architettura in stile Bauhaus sviluppato attorno agli spazi esterni e interni del Teatro, disegnati dall’architetto Carl Weidemeier dove ogni danzatore ha messo in campo la propria individualità coreografica conforme, volumi, equilibri e disequilibri, peso e respiro, in rapporto tra luce e ombra.

Il testo integrale dell'articolo è accessibile ai soli abbonati.
Effettui per cortesia l'accesso con i Suoi dati:

Non dispone ancora dei dati d'accesso? Sottoscriva un abbonamento di prova per 4 settimane!.
L'abbonamento normale all'Osservatore costa CHF 35.--/anno e può essere sottoscritto tramite l'apposito formulario
oppure segua le istruzioni per poter effettuare il pagamento direttamente tramite PayPal.

In cima