Letteratura

Giorgio Vasta, ospite a Babel Festival: “Lasciamo che la letteratura ci dica chi siamo”

Un’America immaginata, sognata, poi visitata sul serio e riscoperta nei volti e nelle voci dei suoi protagonisti. L’interessamento di Giorgio Vasta per la “sua” America – tra cui quella raccontata questa mattina a Babel Festival – è frutto di un lungo processo, iniziato da bambino, quando ancora si giocava a indiani e cowboy, e poi maturata nel tempo, fino a una “famigliarità di sguardo”, come ci racconta. Alla fine, dovendo recarsi effettivamente oltreoceano per il suo romanzo, Absolutely Nothing. Storie e sparizioni nei deserti americani (Humboldt/Quodlibet 2016) tutto questo gli ha dato l’impressione non di un “arrivo” ma di un “ritorno”. «Io in America, è come se ci fossi sempre stato. L’America, prima di essere un luogo reale, è un luogo della mente. È stata così tanto immaginata nel tempo, che per noi ha la stessa intellegibilità, la stessa riconoscibilità di quei luoghi che siamo realmente abituati a frequentare. Si può dire che, in fondo, in America ci siamo stati tutti», ci spiega.

Il testo integrale dell'articolo è accessibile ai soli abbonati.
Effettui per cortesia l'accesso con i Suoi dati:

Non dispone ancora dei dati d'accesso? Sottoscriva un abbonamento di prova per 4 settimane!.
L'abbonamento normale all'Osservatore costa CHF 35.--/anno e può essere sottoscritto tramite l'apposito formulario
oppure segua le istruzioni per poter effettuare il pagamento direttamente tramite PayPal.

In cima