I viaggi di Manuela

Gironzolando per Savosa e Vezia

Devo confessare che sto prendendo gusto ad aggirarmi come una turista straniera per paraggi, zone a due passi da casa, raggiungibili comunque a piedi per chi è allenato a camminare, naturalmente. Non è che scopra tutto oggi causa pandemia, però posso fare il confronto con diversi anni or sono. Soprattutto i prati a Savosa sono stati falcidiati da una cementificazione selvaggia. C’è ancora una fattoria con mucche ma poco più in là quartieri di moderne case alveari, desolanti nella loro ricerca di un esotismo d’accatto. Il parchetto con quattro giochi per bambini, la pseudo oasi con panchine in mezzo ad un verde spelacchiato e non solo per motivi autunnali. Il vialetto sterrato. L’insieme sembra piuttosto abbandonato e non si contano gli appartamenti sfitti, due o tre sono i nomi all’entrata dei palazzi montati in serie con “staccionate” di finto ruggine. La malinconia di una sinistra periferia cavalca l’impressione.

Savosa - Palazzi con "gazebo"

Palazzi con “gazebo” a Savosa.

Il testo integrale dell'articolo è accessibile ai soli abbonati.
Effettui per cortesia l'accesso con i Suoi dati:

Non dispone ancora dei dati d'accesso? Sottoscriva un abbonamento di prova per 2 settimane!
L'abbonamento normale all'Osservatore costa CHF 35.--/anno e può essere sottoscritto tramite l'apposito formulario
oppure segua le istruzioni per poter effettuare il pagamento direttamente tramite PayPal.

In cima