Teatro

Hoffmann e il suo “Pierino Porcospino” incantano il Teatro Paravento

Una scena di “Pierino Porcospino” tratta da un’edizione ottocentesca.

Ci sono favole che puoi sentir narrare per duecento anni. Le puoi veder mutare nel tempo oppure te le puoi ritrovare per le mani tali e quali, come se fossero appena uscite dalla penna del loro scrittore. Pierino Porcospino – in tedesco, lingua originale, Der Struwwelpeter – è in un certo senso una di queste: riscritta, spesso anche parodiata, conserva quella “freschezza” originaria che può tuttavia non essere propriamente facile da gestire.

Il testo integrale dell'articolo è accessibile ai soli abbonati.
Effettui per cortesia l'accesso con i Suoi dati:

Non dispone ancora dei dati d'accesso? Sottoscriva un abbonamento di prova per 4 settimane!.
L'abbonamento normale all'Osservatore costa CHF 35.--/anno e può essere sottoscritto tramite l'apposito formulario
oppure segua le istruzioni per poter effettuare il pagamento direttamente tramite PayPal.

In cima