Teatro

Il Buzzati di Emanuele Santoro

Sette piani, uno dei racconti più kafkiani di Dino Buzzati (da cui egli ha tratto anche la famosa pièce Un caso clinico), è un compendio del pessimismo, delle idiosincrasie, delle fantasie fobiche dello stesso autore, così come rappresenta il senso di un destino ineluttabile di malattia e morte, una discesa agli inferi, girone dopo girone, piano dopo piano, di cui l’ospedale, come la fortezza, come il castello, come un altro grandioso sanatorio, è il luogo simbolico, la prigione da cui è impossibile evadere, a fronte di una “normalità” e di un’attesa, di guarire, che si allontanano sempre di più.

Il testo integrale dell'articolo è accessibile ai soli abbonati.
Effettui per cortesia l'accesso con i Suoi dati:

Non dispone ancora dei dati d'accesso? Sottoscriva un abbonamento di prova per 2 settimane!
L'abbonamento normale all'Osservatore costa CHF 35.--/anno e può essere sottoscritto tramite l'apposito formulario
oppure segua le istruzioni per poter effettuare il pagamento direttamente tramite PayPal.

In cima