Teatro

Il linguaggio della cura in “Dementia”, il nuovo spettacolo degli allievi dell’Accademia Dimitri

Una grande danza: momenti di tristezza, di buio, poi una carezza, quel gesto carico di tenerezza, che solleva per un momento anche dalle demenze più terribili cui può soffrire un anziano. Pièce umanissima, carica di sentimento umano e di empatia, quella proposta quest’anno dagli studenti dell’Accademia Dimitri al termine del loro anno di formazione; non solo un’esibizione delle capacità interpretative, per altro molto alte, dei giovani attori, ma anche lezione di vita, capacità di relazionarsi al dolore, di dargli un significato, forse anche, per un momento, di inibirlo e sconfiggerlo.

Il testo integrale dell'articolo è accessibile ai soli abbonati.
Effettui per cortesia l'accesso con i Suoi dati:

L'abbonamento normale all'Osservatore costa CHF 35.--/anno e può essere sottoscritto tramite l'apposito formulario
oppure segua le istruzioni per poter effettuare il pagamento direttamente tramite PayPal.

In cima