Festival FIT

Il ritorno di Jaha Koo e della sua cuociriso

© Katharina Seibt

Dopo il successo dell’anno scorso è tornato il sudcoreano Jaha Koo con la nuova produzione The History of Korean Western Theatre. Egli ama mettersi in gioco come artista e come persona, intrecciando quindi riferimenti storici, sociali, politici ad episodi e considerazioni autobiografici. Quando il pubblico arriva per prendere posto, lo si trova già impegnato a piegare un cartoncino verde, un origami rospo che avrà un ruolo nello spettacolo, muovendosi sul pavimento e parlando, un riandare alla natura, al paesaggio contemplato dalla sua casa d’infanzia, ma anche ad un’arte d’importazione giapponese.

Il testo integrale dell'articolo è accessibile ai soli abbonati.
Effettui per cortesia l'accesso con i Suoi dati:

Non dispone ancora dei dati d'accesso? Sottoscriva un abbonamento di prova per 4 settimane!.
L'abbonamento normale all'Osservatore costa CHF 35.--/anno e può essere sottoscritto tramite l'apposito formulario
oppure segua le istruzioni per poter effettuare il pagamento direttamente tramite PayPal.

In cima