Festival FIT

La morte secondo Sergio Blanco

L’ospite più atteso, che ha tenuto anche un laboratorio nell’ambito del Festival, il drammaturgo e regista teatrale franco-uruguaiano Sergio Blanco era già seduto, ieri sera, dietro un tavolo, alcuni oggetti, un computer, immancabile di questi tempi, una lettera, un libro, un diario, una mela, l’acqua, i fogli della lettura… Dietro, lo schermo dove appariranno le fotografie di Matilde Campodonico. Pronto ad iniziare. È il protagonista che questa volta deve aspettare il pubblico, con i soliti ritardatari che gli sfilano davanti cercando i pochi posti rimasti tra le sedie disposte sul palco.

Il testo integrale dell'articolo è accessibile ai soli abbonati.
Effettui per cortesia l'accesso con i Suoi dati:

Non dispone ancora dei dati d'accesso? Sottoscriva un abbonamento di prova per 4 settimane!.
L'abbonamento normale all'Osservatore costa CHF 35.--/anno e può essere sottoscritto tramite l'apposito formulario
oppure segua le istruzioni per poter effettuare il pagamento direttamente tramite PayPal.

In cima