Impressioni di una crisi

La nuova peste – un anno dopo

Correva l’anno 2020 quando il 25 febbraio veniva confermato il primo caso di coronavirus in Svizzera. Una data, così vicina nel tempo, eppure così lontana nella nostra percezione, che segna il discrimine tra il mondo Avanti-Covid e Dopo-Covid. Per metterci di fronte a quanto accaduto in questo breve ma intenso lasso di tempo, ad un anno esatto di distanza da quell’evento, la Casa della Letteratura per la Svizzera italiana ha riaperto (virtualmente) le sue porte. Il triste anniversario è stato l’occasione per rileggere il recente passato con il distacco emotivo e temporale necessario per una più lucida analisi, attraverso gli sguardi e le parole dei poeti e degli scrittori di oggi: Guenda Bernegger, Francesco Cataluccio, Laura Di Corcia e Ruth Gantert, traduttrice di Anna Felder e Fabio Pusterla. Il grande “escluso” dell’incontro è Alberto Nessi, autore di Corona Blues (cfr. L’Osservatore 52/20 per la recensione di Pietro Montorfani), che chiuderà la programmazione 2021 della Casa della Letteratura.

Il testo integrale dell'articolo è accessibile ai soli abbonati.
Effettui per cortesia l'accesso con i Suoi dati:

Non dispone ancora dei dati d'accesso? Sottoscriva un abbonamento di prova per 2 settimane!
L'abbonamento normale all'Osservatore costa CHF 35.--/anno e può essere sottoscritto tramite l'apposito formulario
oppure segua le istruzioni per poter effettuare il pagamento direttamente tramite PayPal.

In cima