Letteratura

La riscoperta di Daniel Defoe e della sua “Peste di Londra”

di Gilberto Isella • L’Osservatore Magazine n.19/2020

La peste scoppiata a Londra nel 1665 (una trentina d’anni dopo quella manzoniana) causò all’incirca centomila vittime. L’avrebbe descritta e resa immortale, fondandosi su una nutrita serie di documenti ma lavorando anche di fantasia, Daniel Defoe, l’indimenticabile autore di Robinson Crusoe Moll Flanders. Per presentificare e rendere incisivi eventi di cui non aveva testimonianza diretta, Defoe usò la prima persona, fingendosi un sellaio londinese a conoscenza dei fatti. Il libro, concepito in forma di diario, uscì nel 1722, con il titolo Journal of the Plague Year (L’anno della piaga). Elio Vittorini, traducendolo in italiano nel 1940, lo ribattezzerà La peste di Londra.

Il testo integrale dell'articolo è accessibile ai soli abbonati.
Effettui per cortesia l'accesso con i Suoi dati:

Non dispone ancora dei dati d'accesso? Sottoscriva un abbonamento di prova per 4 settimane!.
L'abbonamento normale all'Osservatore costa CHF 35.--/anno e può essere sottoscritto tramite l'apposito formulario
oppure segua le istruzioni per poter effettuare il pagamento direttamente tramite PayPal.

In cima