I viaggi di Manuela

La Transiberiana d’Italia

Il percorso è bello in tutte le stagioni, ognuna ha la sua preziosa particolarità, tanto che appena tornata ho già voglia di rifarlo, magari in autunno con il “foliage” tanto di moda oppure in inverno con quella coltre di neve che nel 1980 ispirò la definizione di “Piccola Transiberiana”. Ed è straordinariamente variato, alternandosi campi, praterie, pianori, dove lo sguardo può distendersi nello spazio, a fitti boschi di querce, castani o faggi, a passaggi cespugliosi che lambiscono le rotaie, come i licheni, sempre con l’accompagnamento di uno sfondo montagnoso o collinare, senza trascurare gli abitati spesso aggrappati sulla rocca che domina la vallata.

Il testo integrale dell'articolo è accessibile ai soli abbonati.
Effettui per cortesia l'accesso con i Suoi dati:

Non dispone ancora dei dati d'accesso? Sottoscriva un abbonamento di prova per 4 settimane!.
L'abbonamento normale all'Osservatore costa CHF 35.--/anno e può essere sottoscritto tramite l'apposito formulario
oppure segua le istruzioni per poter effettuare il pagamento direttamente tramite PayPal.

In cima