Teatro

Le fantasmagoriche invenzioni di “Nuda”

“Nuda”. © Viviana Cangialosi – Compagnia Finzi Pasca.

C’è sempre stato in qualche modo questo riferimento, ma Daniele Finzi Pasca lo ha voluto particolarmente esplicitare qui, la lettura che lo ha affascinato, impressionato da ragazzo, dell’Über das Marionettentheater. Per Heinrich von Kleist le marionette rappresentavano quell’universo di grazia dell’assoluto e di perfezione che l’uomo non poteva raggiungere. E il regista ci vuole trasportare in quel mondo, soprattutto con la rivelazione della seconda parte. La prima, di Nuda, infatti è molto occupata dalle parole, dal monologo pur sdoppiato e in seguito anche moltiplicato, diciamo non sempre efficace, a volte persino monotono che con difficoltà cattura l’attenzione, come hanno rilevato diversi commenti di spettatori. Un po’ per il rimbombo della sala del LAC, il vecchio problema dell’acustica, un po’ per la pronuncia non italofona, un po’ per l’interpretazione monocorde. Due gemelle, una che racconta, l’altra evocata nel suo essere nata già santa, ingombrante fin dal primo momento, venuta alla luce con rivestita da una tunica bianca, con la proverbiale “camicia” diremmo, della fortunata, apparentemente, anche se il piedistallo si trasforma in sacrificio.

Il testo integrale dell'articolo è accessibile ai soli abbonati.
Effettui per cortesia l'accesso con i Suoi dati:

Non dispone ancora dei dati d'accesso? Sottoscriva un abbonamento di prova per 2 settimane!
L'abbonamento normale all'Osservatore costa CHF 35.--/anno e può essere sottoscritto tramite l'apposito formulario
oppure segua le istruzioni per poter effettuare il pagamento direttamente tramite PayPal.

In cima