Teatro

Le solitudini di Fedra

“Fedra” di Leonardo Lidi. © LAC – Studio Pagi

Ama le panchine, Leonardo Lidi, ce n’era una anche nel precedente Zoo di vetro visto al LAC nel 2019. Luoghi e simboli di sosta, di solitudini, di attese, incontri non sempre opportuni, di chiacchiere, arrivi e partenze… In Fedra, che ha debuttato ieri sera inaugurando il FIT, ce n’era una a costituire l’unico elemento scenografico per gran parte della rappresentazione, qui si esprime il tutto.

Il testo integrale dell'articolo è accessibile ai soli abbonati.
Effettui per cortesia l'accesso con i Suoi dati:

Non dispone ancora dei dati d'accesso? Sottoscriva un abbonamento di prova per 2 settimane!
L'abbonamento normale all'Osservatore costa CHF 35.--/anno e può essere sottoscritto tramite l'apposito formulario
oppure segua le istruzioni per poter effettuare il pagamento direttamente tramite PayPal.

In cima