Marionette

Le stagioni di Balestrino e i piedi della Gonzalez

Il Festival delle Marionette continua. Questa è la buona notizia. Michel Poletti non ha il problema di contenere ad un massimo di cinquanta persone il suo pubblico, come stabilito dal Consiglio federale. Anzi, come ci dice, in questo periodo sono numerose le disdette delle prenotazioni o per malattia o per quarantena. A testimonianza della situazione. Ieri, nel turno delle ore 14.30 al Teatro Foce di Lugano, per pochi intimi si è in effetti esibito Gino Balestrino, il burattinaio ligure che con la sua garbata ironia da anni è ospite della rassegna. È tornato con Le quattro stagioni di Bi, il suo omino, indossato come un guanto, tutto bianco e dalle timide curiosità con cui interpella ogni personaggio, soprattutto animali che incontra, partendo dalla primavera con le sagome di fiori che spuntano dalla “baracca”, il ranocchio e il pulcino che esce dall’uovo e sa fare solo “pio”, incantando e divertendo i piccoli e piccolissimi.

Il testo integrale dell'articolo è accessibile ai soli abbonati.
Effettui per cortesia l'accesso con i Suoi dati:

Non dispone ancora dei dati d'accesso? Sottoscriva un abbonamento di prova per 4 settimane!.
L'abbonamento normale all'Osservatore costa CHF 35.--/anno e può essere sottoscritto tramite l'apposito formulario
oppure segua le istruzioni per poter effettuare il pagamento direttamente tramite PayPal.

In cima