I viaggi di Manuela

Lugano è anche Monte Brè

Uno dei luoghi più caratteristici di Lugano, sia per quanto riguarda la sua fisionomia geografica e topografica, sia per la storia, i riferimenti naturalistici e artistici, è senz’altro il Monte Brè, senza di esso la città ticinese non sarebbe la stessa, quella immagine che foto e cartoline trasmettono in tutto il mondo. Un tempo zona agricola, anche di povertà ed emigrazione, oggi turistica, in simbiosi con la sua funicolare. Parto da qui. Avviandomi nel borgo di Cassarate, dopo aver lasciato l’autobus, non perdo l’occasione di dare un’occhiata al romantico oratorio di “San Pietro delle erbette”, così discosto, solitario, più volte restaurato, facciata d’inizio ‘900, ma grazioso da trasmettere un senso di intima pace. È chiuso, naturalmente, ma da due piccoli “oblò”, si può spiare l’interno semplice e raccolto, con volta a botte e il bell’affresco cinquecentesco della crocefissione forse opera di Bartolomeo da Ponte Tresa. Leggo nella targa vicina che “il rosone sopra l’ingresso ricorda la famiglia Schnyder von Wartensee, proprietaria dal 1885 al 1982 del vicino albergo Villa Castagnola a cui l’oratorio è storicamente legato”. Un angolo di Lugano che raccomando.

Monte Brè - La funicolare

La funicolare del Monte Brè.

Il testo integrale dell'articolo è accessibile ai soli abbonati.
Effettui per cortesia l'accesso con i Suoi dati:

Non dispone ancora dei dati d'accesso? Sottoscriva un abbonamento di prova per 2 settimane!
L'abbonamento normale all'Osservatore costa CHF 35.--/anno e può essere sottoscritto tramite l'apposito formulario
oppure segua le istruzioni per poter effettuare il pagamento direttamente tramite PayPal.

In cima