I viaggi di Manuela

Lungo la Ferrovia Lugano-Ponte Tresa (2)

Eccoci alla seconda parte del nostro percorso. Dopo Bioggio, Agno e anche in questo caso si sale dalla stazione verso il paese. La cartellonistica ne narra l’evoluzione per cui non mi dilungo oltre, accennando solo al fatto che pure questa è una zona ricca di ritrovamenti archeologici e di storia: nel tempo, da qui passarono i Franchi, il territorio fu possedimento longobardo, appartenne alla diocesi di Como, fu zona di battaglie, conquistata dai Cantoni Svizzeri, amministrata dalle famiglie patrizie del luogo, e due generali la calpestarono, in modo diverso, Suvorov e Garibaldi… M’imbatto subito nel bizzarro edificio del comune con i suoi esotici pinnacoli, una costruzione della seconda metà dell’800, fatta edificare dal colonnello Natale Vicari in stile nordalpino. La Chiesa parrocchiale dei Santi Giovanni Battista e Provino, si trova ancora più in alto, come al solito edificio di origini antiche ma sostituito alla fine del ‘700 su progetto di Antonio Boffa. Consacrazione nel 1829. All’interno affreschi di Giovanni Battista Brenni e un organo Mascioni. Non mi suscita particolare trepidazione ma la vista è bella. Quando mi sono recata da queste parti il Museo plebano era chiuso, ma merita una visita senz’altro. Pregevoli alcune abitazioni come Casa Quadri con loggia e sulla facciata, sopra un portale di marmo, un dipinto risalente al 1700 e raffigurante una Deposizione.

Il testo integrale dell'articolo è accessibile ai soli abbonati.
Effettui per cortesia l'accesso con i Suoi dati:

Non dispone ancora dei dati d'accesso? Sottoscriva un abbonamento di prova per 4 settimane!.
L'abbonamento normale all'Osservatore costa CHF 35.--/anno e può essere sottoscritto tramite l'apposito formulario
oppure segua le istruzioni per poter effettuare il pagamento direttamente tramite PayPal.

In cima