Festival FIT

“Necropolis”, i morti che vivono tra noi

“Necropolis”. © Institut des Croisements

Ancora una proposta del FIT non teatrale ma documento filmico, sullo schermo del palco del LAC, Necropolis. Con il regista originario della Bielorussia, emigrato in Israele, Arkadi Zaides alla consolle, affiancato dalla sua collaboratrice Emma Gioia, è stata presentata una ricerca in corso, una vasta mappatura, reale e simbolica, una sorta di enciclopedia funeraria, elenco di corpi trovati o dispersi, delle migliaia di morti nel mondo di rifugiati e migranti che avevano intrapreso il viaggio della speranza verso l’Europa.

Il testo integrale dell'articolo è accessibile ai soli abbonati.
Effettui per cortesia l'accesso con i Suoi dati:

Non dispone ancora dei dati d'accesso? Sottoscriva un abbonamento di prova per 4 settimane!.
L'abbonamento normale all'Osservatore costa CHF 35.--/anno e può essere sottoscritto tramite l'apposito formulario
oppure segua le istruzioni per poter effettuare il pagamento direttamente tramite PayPal.

In cima