I viaggi di Manuela

Nel guazzabuglio delle frontiere Covid

Il valico stradale di Ponte Chiasso.

Mentre le vaccinazioni procedono e anche le regole di protezione, tra allentamenti a sistema variabile nelle date e nelle nazioni, e si attende un passaporto sanitario, il “green pass”, che si spera sia valido anche per la Svizzera, pensate di iniziare un po’ a respirare sul fronte dei viaggi? E invece no, la situazione si complica e rischia di annegare in un mare di burocrazia. L’Italia da questa settimana impone, oltre al tampone, la compilazione di un modulo che prevede una precisa destinazione, con tanto di indicazioni d’indirizzo e telefoniche per il tracciamento e persino l’annuncio della propria presenza agli uffici sanitari. Il partire all’avventura è un sogno del passato.

Il testo integrale dell'articolo è accessibile ai soli abbonati.
Effettui per cortesia l'accesso con i Suoi dati:

Non dispone ancora dei dati d'accesso? Sottoscriva un abbonamento di prova per 2 settimane!
L'abbonamento normale all'Osservatore costa CHF 35.--/anno e può essere sottoscritto tramite l'apposito formulario
oppure segua le istruzioni per poter effettuare il pagamento direttamente tramite PayPal.

In cima