Intervista

Paolo Di Stefano: «Le piccole odissee sono sempre grandi odissee»

L’immagine degli Eventi letterari Monte Verità 2022 è stata creata da Jannuzzi Smith.

Un Festival, per celebrare, alla fine di un’odissea chiamata “coronavirus”, l’approdo finale – si spera – alla nostra “Itaca”; ma anche un Festival che ricordi e perpetui “l’esperienza Monte Verità”,  la piccola collina che sovrasta il borgo di Ascona, da oltre un secolo luogo di fecondi scambi intellettuali e che, infine, in tempi sempre molto incerti come quelli attuali, porti – attraverso la letteratura – un messaggio di speranza. Sono questi alcuni dei significati di cui si vuole fare portatrice l’edizione 2022 degli Eventi Letterari Monte Verità, sotto la guida artistica, dal 2019 a questa parte, di Paolo Di Stefano. La manifestazione che quest’anno torna, dopo le difficoltà legate alla pandemia, a essere riproposta, come da tradizione, nella settimana precedente la Pasqua, si svolgerà dal 7 al 10 aprile. Riunirà scrittori, traduttori, letterati di fama internazionale – qui i loro nomi  –  invitati a ritrovarsi all’ombra del Monte Verità, quest’anno per dialogare, sempre a partire dalla loro opera letteraria, sul tema Le nostre odissee, titolo direttamente ispirato al romanzo di James Joyce Ulysses, a 100 anni esatti dalla sua prima pubblicazione nel 1922.

Il testo integrale dell'articolo è accessibile ai soli abbonati.
Effettui per cortesia l'accesso con i Suoi dati:

L'abbonamento normale all'Osservatore costa CHF 35.--/anno e può essere sottoscritto tramite l'apposito formulario
oppure segua le istruzioni per poter effettuare il pagamento direttamente tramite PayPal.

In cima