Festival delle Marionette

Parità (o superiorità?) di genere con “I tre porcellini”

Dopo averci deliziato nel 2019 con la storia di una simpatica talpa, il Poppentheater Koekla è tornato al Festival delle Marionette oggi pomeriggio suscitando l’entusiasmo e la vivace partecipazione di un folto pubblico, formato da adulti pronti a immergersi nella esperienza dei bambini e i piccoli che fanno la loro parte di… bambini. L’animatrice, ucraina che vive in Olanda, Christina Boukova è soave e ironica, muove i suoi pupazzi e le scenografie realizzate a vista con grazia, mentre usa un linguaggio soprattutto onomatopeico e lo sforzo di alcune parole in italiano. Questa volta era la favola classicissima, senza un autore preciso, dei Tre porcellini, adattata pare alla sensibilità contemporanea, e nella versione più edulcorata, privata del moralismo favolistico (che punisce crudelmente il carattere negativo) ma attenta anche alla parità (superiorità?) di genere.

Il testo integrale dell'articolo è accessibile ai soli abbonati.
Effettui per cortesia l'accesso con i Suoi dati:

Non dispone ancora dei dati d'accesso? Sottoscriva un abbonamento di prova per 2 settimane!
L'abbonamento normale all'Osservatore costa CHF 35.--/anno e può essere sottoscritto tramite l'apposito formulario
oppure segua le istruzioni per poter effettuare il pagamento direttamente tramite PayPal.

In cima