Incontri

Perché amiamo la bellezza

Mi ha fatto impressione leggere – ha esordito Massimo Recalcati al Festival della Bellezza di Verona – che il peso assoluto del Covid in tutto il mondo sia di appena 1,5 chilogrammi. Questa misura ridicola avrebbe potuto annientare la vita umana sulla terra. Se fosse accaduto, nessuno se ne sarebbe accorto perché la natura è in fondo indifferente alle nostre sorti. Non ci guarda. È in sé matrigna: riproduce sé stessa, non ha occhi per noi. Noi invece cerchiamo gli occhi dell’altro, mentre la natura non ha occhi e per questo gli esseri umani, dall’origine della vita, hanno pregato. L’impulso alla preghiera, secondo la psicanalisi, è una spinta ad “essere visti” da Qualcuno che ascolta il nostro grido. Non siamo autosufficienti, ci nutriamo dello sguardo dell’altro. E dunque dello sguardo di Dio: che ci sia qualcuno che ascolti la nostra supplica. Non è un caso che Dio e gli dei molto spesso siano stati rappresentati come degli sguardi. La bellezza dello sguardo che punge,  mi tocca.

Il testo integrale dell'articolo è accessibile ai soli abbonati.
Effettui per cortesia l'accesso con i Suoi dati:

Non dispone ancora dei dati d'accesso? Sottoscriva un abbonamento di prova per 2 settimane!
L'abbonamento normale all'Osservatore costa CHF 35.--/anno e può essere sottoscritto tramite l'apposito formulario
oppure segua le istruzioni per poter effettuare il pagamento direttamente tramite PayPal.

In cima