InCanti

Poeti fuori luogo: Dante e Mandel’štam

Un solo dettaglio distingue il profilo di Dante da quello di Mandel’štam; un particolare che vi sorprenderà non poco, essendo assente nei ritratti del poeta fiorentino: la barba nera e crespa, arsa e “affumicata” dalle fiamme infernali. È questa la ragione che adduce Boccaccio nel Trattatello in laude di Dante, riportando quanto detto da un gruppetto di donne vedendo il poeta a Verona: «Non vedi tu come egli ha la barba crespa e il color bruno per lo caldo e per lo fummo che è là giù?», commenta ingenuamente una di loro. Tra i curiosi aneddoti riportati da Boccaccio nella biografia del Sommo poeta, che oscilla tra fedeltà documentaria e tensione apologetica, è inoltre contenuta una dettagliata descrizione fisica di Dante: «Fu adunque questo nostro poeta di mediocre statura. […]  Il suo volto fu lungo, e il naso aquilino, e gli occhi anzi grossi che piccioli, le mascelle grandi, e dal labbro di sotto era quel di sopra avanzato; e il colore era bruno, e i capelli e la barba spessi, neri e crespi». Confrontando questa descrizione con quella di Mandel’štam, resa dall’amica Lidija Ginzburg, scopriremo che i profili dei due poeti sono assai similari: «Non è molto alto di statura, è magro, con una fronte stretta, un naso piccolo e ricurvo, con l’aguzza parte inferiore del viso coperta da una barbetta mal curata e quasi bianca».

Il testo integrale dell'articolo è accessibile ai soli abbonati.
Effettui per cortesia l'accesso con i Suoi dati:

Non dispone ancora dei dati d'accesso? Sottoscriva un abbonamento di prova per 2 settimane!
L'abbonamento normale all'Osservatore costa CHF 35.--/anno e può essere sottoscritto tramite l'apposito formulario
oppure segua le istruzioni per poter effettuare il pagamento direttamente tramite PayPal.

In cima