Letteratura

Presentata “Frontiera”, opera inedita di Pio Ortelli

(Da sin.): Stefano Vassere, Karin Stefanski, Stefano Barelli e Flavio Catenazzi alla Biblioteca cantonale di Lugano per la presentazione del romanzo “Frontiera” di Pio Ortelli. 

«Il caso di Ortelli è stimolante. Ci sono suoi testi che ancora attendono di essere studiati. La valutazione e la collocazione di questo autore nel panorama della letteratura ticinese è in fieri, attende nuove indagini e nuove edizioni». A sostenerlo è Stefano Barelli nel presentare un personaggio poliedrico: assiduo collaboratore del Giornale del Popolo – una delle 36 testate con cui collaborava – scrittore, insegnante, redattore radiofonico, animatore di circoli culturali, tratteggiare la complessa personalità di Pio Ortelli non è infatti compito semplice. Ancora meno semplice è avere un’immagine complessiva della sua opera, a fronte di testi che ancora mancano di un’edizione e giacciono, attualmente, nel fondo Ortelli dell’Archivio Prezzolini. Per questo è sicuramente da salutare con grande favore l’ultima iniziativa del prof. Flavio Catenazzi: quella di pubblicare il romanzo finora inedito di Ortelli, intitolato Frontiera. A salutare la novità, ieri sera alla Biblioteca Cantonale di Lugano, moderati da Stefano Vassere, oltre al prof. Barelli del CSIA e allo stesso prof. Catenazzi, anche Karin Stefanski per l’Archivio Prezzolini, accolti, tra il pubblico, dai famigliari di Ortelli, giunti a sentir parlare del padre, prematuramente scomparso nel 1963.

Il testo integrale dell'articolo è accessibile ai soli abbonati.
Effettui per cortesia l'accesso con i Suoi dati:

L'abbonamento normale all'Osservatore costa CHF 35.--/anno e può essere sottoscritto tramite l'apposito formulario
oppure segua le istruzioni per poter effettuare il pagamento direttamente tramite PayPal.

In cima