Teatro

“Relazioni” come una guerra senza tempo

Foto di scena © LAC, Foto Luca Del Pia

Un lavoro di ricerca, un progetto, la nuova creazione di Carmelo Rifici, regista e drammaturgo (in collaborazione con Livia Rossi) che riscrive il famoso romanzo, epistolare per eccellenza, Le relazioni pericolose, a partire dal saggio del filosofo René Girard sul trattato Della guerra di Carl von Clausewitz. E le parole del generale prussiano, lette e rilette, risuonano in francese (con proiezione in italiano di due pagine) già quando gli spettatori entrano e si accomodano nella platea allestita sul palco in un rapporto ravvicinato con la scena che lì si svolge.

Il testo integrale dell'articolo è accessibile ai soli abbonati.
Effettui per cortesia l'accesso con i Suoi dati:

L'abbonamento normale all'Osservatore costa CHF 35.--/anno e può essere sottoscritto tramite l'apposito formulario
oppure segua le istruzioni per poter effettuare il pagamento direttamente tramite PayPal.

In cima