Intervista

Simone Lappert al Monte Verità: «Mi interrogo sulla normalità del presente»

© Diogenes Verlag_Photo Ayse Yavas

Molte sono le parole che possono ispirare uno scrittore. “Fragilità” è una di quelle: la fragilità dell’esistenza umana, la precarietà degli amori, l’instabilità del presente in cui viviamo. Per Simone Lappert, giovane e promettente scrittrice svizzera, parlarne non è solo un optional, ma un dovere. Conosciuta per il suo romanzo d’esordio Wurfschatten, seguito da Der Sprung, è stata ospite in questi giorni degli Eventi letterari del Monte Verità.

Il testo integrale dell'articolo è accessibile ai soli abbonati.
Effettui per cortesia l'accesso con i Suoi dati:

Non dispone ancora dei dati d'accesso? Sottoscriva un abbonamento di prova per 4 settimane!.
L'abbonamento normale all'Osservatore costa CHF 35.--/anno e può essere sottoscritto tramite l'apposito formulario
oppure segua le istruzioni per poter effettuare il pagamento direttamente tramite PayPal.

In cima