Teatro

Un pazzo che merita compassione

Nel suo adattamento del famoso racconto di Gogol (1835) Diario (o Memorie) di un pazzo, Emanuele Santoro ha scelto di collocare la scena in un manicomio fin dall’inizio e in un’epoca che si suppone contemporanea, vista la presenza di una coppia d’infermieri (Jamie Lee Moser e Michele Martone), quasi delle comparse che, a parte poche azioni e battute (per fortuna verrebbe da dire…), passeranno il tempo seduti agli angoli del palcoscenico, alle prese con i rispettivi cellulari.

Il testo integrale dell'articolo è accessibile ai soli abbonati.
Effettui per cortesia l'accesso con i Suoi dati:

Non dispone ancora dei dati d'accesso? Sottoscriva un abbonamento di prova per 2 settimane!
L'abbonamento normale all'Osservatore costa CHF 35.--/anno e può essere sottoscritto tramite l'apposito formulario
oppure segua le istruzioni per poter effettuare il pagamento direttamente tramite PayPal.

In cima