Teatro

Vita, teatro e… “Dopo la prova”

Soprattutto un articolato gioco di specchi e riflessi si può considerare Dopo la prova (applaudito debutto ieri sera al Teatro Sociale di Bellinzona), strutturale, interno al testo, relativo ad attori, regista e personaggi, alla vita e alla finzione… Il rimando tra teatro e cinema (la pièce di Bergman è nata nel 1983 come prodotto televisivo, in seguito proiettato anche nelle sale cinematografiche). In ogni caso nella sua versione Andrea Chiodi ha voluto rendere un omaggio allusivo all’opera cinematografica del regista svedese con alcuni dettagli di scenografia, costumi e, in particolare, attraverso la proiezione filmata e amplificata sul fondo scena dei volti degli interpreti protagonisti delle battute finali (Ballerio e Saltamacchia), anche se Ingmar Bergman ha sempre rivendicato l’assoluta teatralità di questo suo lavoro.

Il testo integrale dell'articolo è accessibile ai soli abbonati.
Effettui per cortesia l'accesso con i Suoi dati:

L'abbonamento normale all'Osservatore costa CHF 35.--/anno e può essere sottoscritto tramite l'apposito formulario
oppure segua le istruzioni per poter effettuare il pagamento direttamente tramite PayPal.

In cima