Festival FIT

La Corea di Jaha Koo e un’altra fiaba rivisitata

“Lolling and Rolling”, Jaha Koo. © Maria Clauzade

Al Festival luganese dominano le performance narrative abbinate ad immagini video. Dal giapponese Matsune (sabato e domenica) ai due portoghesi di lunedì; ieri abbiamo ritrovato un’apprezzata conoscenza della manifestazione, il sudcoreano Jaha Koo che dopo Cuckoo e The History of Korean Western Theatre, ha portato Lolling and Rolling, tassello della trilogia Hamartia, la prima, risalente al 2015 e che per l’occasione ha rivisto, puntando più in profondità sull’affresco storico: piuttosto che far leva sull’operazione alla lingua, a cui vengono sottoposti i bambini coreani per permettere la pronuncia in inglese della “r”, contestualizza il fenomeno attraverso un discorso generale di colonizzazione e sudditanza.

Il testo integrale dell'articolo è accessibile ai soli abbonati.
Effettui per cortesia l'accesso con i Suoi dati:

Non dispone ancora dei dati d'accesso? Sottoscriva un abbonamento di prova per 2 settimane!
L'abbonamento normale all'Osservatore costa CHF 35.--/anno e può essere sottoscritto tramite l'apposito formulario
oppure segua le istruzioni per poter effettuare il pagamento direttamente tramite PayPal.

In cima