Medicina

La Vidas è bella

Giada Lonati, direttore socio sanitario di Vidas.

Quando Flannery O’Connor seppe di avere una malattia che l’avrebbe portata alla morte, ordinò una coppia di pavoni. Perché? chiede Luca Doninelli. Perché i pavoni fanno la ruota quando vogliono. Nessuno può ordinarla. La ruota del pavone resta un mistero. Giovanna Cavazzoni, nel ricordo della sua maestra di canto malata di cancro, nel 1982 fondò Vidas, l’associazione che a Milano da 40 anni offre assistenza sociosanitaria completa e gratuita ai malati terminali. È rimasta presidente fino al 2015, l’anno prima della scomparsa, passando la carica a Ferruccio De Bortoli. La sua vita continua in Vidas che in questi anni ha garantito servizi di cure a oltre 40mila pazienti restituendo loro dignità. I servizi vanno dalla casa del malato, a quella di Sollievo piccoli, all’hospice con oltre 1900 pazienti curati ogni anno, in media 200 al giorno. Ne parliamo con Giada Lonati, direttore sanitario, che per Rizzoli ha pubblicato L’ultima cosa bella. Un altro mistero della vita, splendido quanto la ruota del pavone.

Il testo integrale dell'articolo è accessibile ai soli abbonati.
Effettui per cortesia l'accesso con i Suoi dati:

Non dispone ancora dei dati d'accesso? Sottoscriva un abbonamento di prova per 4 settimane!.
L'abbonamento normale all'Osservatore costa CHF 35.--/anno e può essere sottoscritto tramite l'apposito formulario
oppure segua le istruzioni per poter effettuare il pagamento direttamente tramite PayPal.

In cima